Via Giovanni Berta, 199, 86170 Isernia IS
tel. +39 0865 299490

Sicurezza, scade l’11 l’obbligo per i datori di lavoro: mettetevi in regola

 

corsisicurezza-e1483964971782

Rspp e Aspp sono termini ormai noti agli imprenditori ma cogliamo l’occasione per riassumerne significato, obblighi, normativa di riferimento e scadenze cui ottemperare. Anche perché, è bene non dimenticarlo, il mancato rispetto della legge che regolamenta la sicurezza sui luoghi di lavoro comporta sanzioni che è bene prevenire.

Il decreto legislativo 81/2008 stabilisce che, all’interno di ogni azienda, sia necessaria la presenza di un Rspp (responsabile del servizio prevenzione e protezione). Non di rado è lo stesso titolare (se l’azienda non supera i 200 dipendenti) a svolgere questa mansione, che pure rappresenta un impegno non da poco, tanto che molte imprese scelgono ormai di affidarsi alle competenze dei cosiddetti Addetti al servizio di prevenzione e protezione (Aspp) o ad Rspp esterni.

Qualora, tuttavia, l’imprenditore abbia deciso di mantenere la responsabilità di vigilare sulla sicurezza della propria azienda, e abbia effettuato il corso prima dell’11 gennaio 2012, è bene ricordare che l’11 gennaio 2017 scade l’obbligo di aggiornamento.

L’accordo Stato-Regioni sottoscritto il 21 dicembre 2011 prevede infatti che gli imprenditori-Rspp debbano “rinfrescare” le proprie conoscenze ogni cinque anni: ciò significa che, per chi ha effettuato l’ultimo corso prima dell’11 gennaio 2012, il conto alla rovescia è iniziato. E lo stesso vale per tutti coloro che hanno avviato la propria attività prima del 1996, nonostante in un primo momento (ma oggi le cose sono cambiate) per questa fattispecie fosse stato previsto l’esonero.

In caso di mancato adempimento, il rischio sanzioni potrebbe essere dietro l’angolo. In mancanza di formazione adeguata, ad esempio, la normativa prevede che il datore di lavoro debba essere punito con l’arresto da tre a sei mesi o con l’ammenda da 2.740 a 7.014 euro. Mentre il legislatore non ha specificato le sanzioni per il comma riferito nello specifico all’obbligo dell’aggiornamento.

Tuttavia nelle Linee interpretative del 25 luglio 2012 si legge: «Si ritiene che l’Aspp o il Rspp che non adempia l’obbligo di aggiornamento nei tempi previsti, perda la propria “operatività”. Ciò significa che, pur mantenendo il requisito derivato dalla regolare frequenza ai corsi, non è in grado di poter esercitare i propri compiti fintanto che non venga effettuato l’aggiornamento ».

E se il datore di lavoro Rspp decade dalla funzione e non affida ad altri l’incarico, può essere multato per mancata nomina di un nuovo responsabile del servizio prevenzione e protezione.

La durata dei corsi, ricalca quella prevista dalla legge in base alla classificazione di rischio dell’impresa: si passa dalle 16 ore per l’Rspp di un’azienda a basso rischio alle 32 dell’industria con rischio medio per arrivare alle 48 ore previste in caso di rischio elevato. La classificazione del rischio è indicata dal codice Ateco.

Le alternative al “fai da te” si chiamano, invece, Aspp e Rspp esterni.

 

Condividi questo articolo

Altre notizie recenti

Make up Artist Applying Mascara

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ESTETISTI

ISERNIA, 26/05/2022Prot. N.  U  24 Ai  Sigg.ri Soci  Dell’Associazione di Mestiere ESTETISTIdell’Unione Interprovinciale degli Artigianie delle Piccole Imprese delle Province di Campobasso e Isernia– Confartigianato

modulo richiesta consulenza
Compila i campi del modulo per essere contattato dai professionisti convenzionati
Seleziona quali sono le aree per le quali richiedi consulenza
Informativa ai sensi del Regolamento UE 2016/679
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (in seguito anche Regolamento), Confartigianato Imprese, con sede in Via S. Giovanni in Laterano 152 – Roma, in qualità di Titolare del trattamento, la Informa che il trattamento dei suoi dati personali, realizzato con strumenti anche automatizzati attraverso misure di sicurezza tali da garantire la tutela e la massima riservatezza dei dati, è effettuato per: – favorire la sua iscrizione ad una Associazione territoriale facente riferimento al sistema Confartigianato Imprese. Il conferimento dei dati è necessario e un eventuale rifiuto può comportare l’impossibilità di perseguire la finalità menzionate. La base giuridica per lo svolgimento delle attività è l’adesione dell’impresa a Confartigianato Imprese e la conseguente determinazione del rapporto associativo, nonché gli obblighi di legge. I dati personali saranno conservati per tutta la durata del rapporto associativo e successivamente saranno conservati per il tempo necessario ad assolvere gli obblighi di legge; tali dati saranno inoltre conservati nei limiti dei tempi prescrizionali previsti per l’esercizio dei diritti discendenti dal rapporto instaurato.
Inviare la newsletter richiesta e informarla sulle nostre iniziative, attività e progetti. Tali comunicazioni saranno realizzate attraverso l’invio di e-mail. La base giuridica del trattamento dei suoi dati è il consenso. Il conferimento dei dati per tali attività è facoltativo e un eventuale rifiuto può comportare l’impossibilità per il Titolare di perseguire le finalità su menzionata. Lei ha il diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento. La revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento in base al consenso da lei fornito prima della revoca. I dati personali verranno conservati fino a quando non manifesterà la Sua volontà di non ricevere le newsletter. I dati, che non saranno diffusi, potranno essere comunicati a società terze per la realizzazione delle finalità su menzionate e a soggetti cui la facoltà di accedere ai dati sia riconosciuta da disposizioni di legge e/o di normativa secondaria. Inoltre, i dati saranno trasmessi all’Associazione locale di riferimento per e consentirle di contattarla direttamente. In caso di richieste o domande sul trattamento dei Suoi dati da parte della Confederazione, La preghiamo di contattare il Responsabile della protezione dei dati nominato da Confartigianato Imprese al seguente indirizzo e-mail: info@ confartigianatomolise.it. Le ricordiamo, infine, che potrà esercitare i diritti contemplati dal Regolamento, scrivendo a info@confartigianatomolise.it.